25 Oct 2020 21:12:41
Gravidanza

Inquinamento e gravidanza: un nuovo studio lancia l'allarme sui rischi per il bambino

img

Nuove evidenze sulla correlazione tra l’esposizione di donne incinte all’inquinamento atmosferico e alcuni rischi per la gravidanza e malformazioni del feto. Uno studio inglese presentato a Parigi durante il Congresso internazionale della European Respiratory Society (Ers) ha riscontrato la preoccupante presenza di minuscole particelle di carbonio all’interno della placenta di donne incinte.

"Sappiamo da un po' che l'inquinamento atmosferico influisce sullo sviluppo fetale e può continuare a influenzare i bambini dopo la nascita e per tutta la vita” ha dichiarato la Dr. Lisa Miyashita, ricercatrice della Queen Mary University di Londra. “Eravamo interessati a vedere se questi effetti potessero essere dovuti a particelle di inquinamento che si muovono dai polmoni della madre alla placenta. Fino ad ora, ci sono state pochissime prove del fatto che le particelle inalate entrassero nel sangue dai polmoni".

Lo studio è stato condotto esaminando le placente di cinque donne incinte, tutte residenti a Londra e non fumatrici. Gli studiosi si sono concentrati alle cellule macrofagi della placenta, che hanno la funzione di inglobare elementi nocivi quali batteri e sostanze tossiche presenti nell’organismo. All’interno di un numero considerevole di queste cellule, gli scienziati hanno riscontrato la presenza di particelle scure in seguito identificate con particelle di carbonio.

La nuova ricerca mette in luce i meccanismi attraverso cui i bambini subiscono l’influenza della qualità dell’aria dell’ambiente che circonda la madre, subendo gli effetti nocivi dell’inquinamento. I ricercatori sperano che la loro scoperta possa contribuire a sensibilizzare il mondo medico e la società a una problematica sempre più seria che può causare problemi seri alla salute dei bambini ancora prima della loro nascita.