20 Oct 2020 10:08:48
Medicina

La “malattia silenziosa”: incontinenza femminile

img

 Spesso viene definita “la malattia silenziosa” perché molte donne provano imbarazzo a parlarne persino con il proprio medico. Eppure è un problema che rende le vite di circa 2 milioni di donne italiane impossibili e si può manifestare in modi differenti:

·         Con un bisogno continuo e impellente di urinare

·         Con un dolore costante all’interno della vagina

·         Con una sensazione di residui d’acqua dopo aver urinato

Può inoltre distinguersi in :

·         Incontinenza da sforzo nel caso in cui il bisogno di manifesti durante sforzi fisici anche leggeri come salire le scale oppure semplicemente ridere.

·         L’incontinenza da urgenza invece è la più frequente nelle persone anziane e si manifesta con il bisogno improvviso ed impellente di urinare tale da non permettere di arrivare in bagno.

 Differenti possono essere anche i motivi che causano l’incontinenza femminile tra cui:

·         Indebolimento del pavimento pelvico o dello sfintere (tipico nelle persone anziane)

·         Costipazione

·         Instabilità del detursore

·         Effetti secondari di farmaci o interventi chirurgici

·         Malattie neurologiche (Parkinson,sclerosi,demenza senile ecc.)

·         Stress

È possibile però alleviarne i sintomi direttamente da casa propria eseguendo gli esercizi di kegel che consistono in semplici contrazioni atti ad esercitare i muscoli pelvici in moda tale da rinforzarne la struttura.

Per prevenire il fenomeno dell’incontinenza femminile:

·         Praticare regolare attività fisica

·         Non fumare

·         Non esagerare con alcuni cibi come limone,fragole,mele,uva,aceto,pomodore,tè,caffè e bevande gassate

A dimostrazione di quanto la patologia sia diffusa, il 5 Ottobre a Napoli, presso il Maschio Angioino si terrà il convegno con focus proprio sull’incontinenza femminile in collaborazione con l SCCL (Società Campano Calabro Lucana di Ginecologia) in una giornata che prevede un iniziale dibattito interattivo basato sulle domande dei presenti e seguito da una doppia sessione di chirurgia e riabilitazione.